Progetti Speciali

Habitat Microaree ha caratteristiche di sistema aperto, di contenitore elastico nel quale introdurre elementi di innovazione e di sperimentazione degli interventi sociali e di sviluppo locale.
La presenza di più soggetti favorisce l’approccio interdisciplinare e la partecipazione ad altri progetti integrati.
Habitat Microaree ha saputo collegarsi ad altre progettazioni complesse basate da un lato su innovazione e sperimentazione di servizi sociosanitari (es. Amalia-Telefono speciale, o Pronto Intervento Domiciliare), dall’altro su programmi di ristrutturazione urbanistica (es. Piano Urban o Contratti di Quartiere) ai quali vanno di norma associate azioni di riqualificazione sociale e di partecipazione della cittadinanza.
Il programma è stato nel corso degli anni ampliato anche grazie al collegamento a progetti europei.

Cento Progetti100 progetti

Il progetto – “Il Portierato Sociale. Programma ‘Habitat, salute e sviluppo della comunità” -, presentato dal Comune di Trieste, risulta tra i premiati alla quarta edizione del premio “Cento progetti al servizio dei cittadini”, indetto dal Formez per conto del Dipartimento Funzione Pubblica, Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Il premio è un riconoscimento rivolto alle amministrazioni pubbliche che realizzano in Italia i migliori progetti di innovazione.
La cerimonia per la consegna dei diplomi ai vincitori si è svolta a Roma nel corso del convegno conclusivo del FORUM P.A. il giorno 10 maggio 2002.
I cento progetti, selezionati da una autorevole Commissione presieduta dal Ministro Franco Frattini, vengono considerati tutti ugualmente meritevoli. Tuttavia fra i cento ne sono stati selezionati tre, scelti a rappresentare l’Italia alla “2nd Quality Conference for Public Administrations in EU”, Copenhagen 2 – 4 ottobre 2002, dove ciascun paese dell’unione Europea presenta i tre progetti nazionali più innovativi nel settore pubblico.
Il progetto Habitat è uno dei prescelti.

Progetti Speciali

testo dal Bilancio Sociale 2002 dell’Area Servizi Sociali

2nd Quality Conference for Public Administration in EU

Seconda Conferenza sulla Qualità nelle pubbliche amministrazioni europee. Copenhagen 2, 3 e 4 ottobre 2002

sono allegati vari materiali di presentazione del progetto Portierato Sociale – Habitat, presentato alla Conferenza europea
copia o sintesi di questi materiali sono nei siti:

AMALIA – HABITAT

Per contrastare l’esclusione sociale e l’istituzionalizzazione dell’anziano il progetto Amalia svolge servizi di assistenza telefonica. Habitat, in particolare nelle aree di Gretta e Ponziana dove sono presenti molti anziani, collabora al monitoraggio delle condizioni di vita delle persone che usufruiscono dei servizi telefonici, con visite domiciliari e stimolando la loro partecipazione ad attività di socializzazione organizzate nelle sedi o nel quartiere.

Over 45Over 45

Iniziativa Comunitaria Equal

L’iniziativa rientra nelle grandi strategie europee di sviluppo delle politiche occupazionali, volte a prevenire la disoccupazione di lunga durata e accrescere il numero delle persone che partecipano alle misure attive del lavoro, con attenzione particolare all’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati. I progetti europei operano con partnership composta da diversi organismi locali e prevedono anche attività transnazionali con momenti di confronto e di elaborazione comune con partner europei.
La categoria individuata da Over 45 sono i disoccupati maturi con difficoltà di rientro nel mercato del lavoro.
Quattro sedi Habitat sono state adibite per la registrazione informatica dei disoccupati.

NexusNEXUS

Iniziativa Comunitaria Equal

Un asse dell’iniziativa e incentrato sullo sviluppo dell’economia sociale e il raccordo fra enti pubblici e settore non-profit.
Soggetti centrali della Partnership sono i Consorzi (Per l’Impresa Sociale e Interland) che raggruppano le cooperative non-profit, l’Azienda sanitaria e l’Area Servizi Sociali del Comune.
Diverse azioni di progetto si svolgono in collaborazione fra i vari organismi partecipanti e in particolare alcuni piccoli segmenti di attività hanno riguardato le microaree Habitat.

URBAN Italia

Il Comune di Trieste rientra tra le 20 città italiane ammesse a contributo da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Decreto dd. 27.5.2002 “Programma concernenti la rivitalizzazione economica e sociale delle città e delle zone adiacenti in crisi, per promuovere uno sviluppo urbano sostenibile”).
Il programma prevede interventi di riqualificazione urbanistica in aree della VII Circoscrizione: Valmaura, Servola e in particolare Borgo San Sergio.
Oltre alla riqualificazione edilizia e funzionale sono previsti interventi di sviluppo sociale e territoriale svolti in raccordo con Habitat, con il potenziamento delle attività già in corso nelle sedi di Borgo e di Valmaura. A Borgo San Sergio è stato completato l’allestimento di ampi locali siti al piano terra del civico n. 48 di proprietà comunale, adibiti a nuova sede Habitat dal settembre 2005.
Attività nuove saranno programmate tenendo conto del parere dei residenti con il metodo della progettazione partecipata che favorirà l’informazione e il coinvolgimento della cittadinanza.

BANDO CONTRATTI DI QUARTIERE II

aprile 2004

L’Amministrazione comunale, congiuntamente con l’Ater, ha presentato al bando della Regione FVG due ‘Contratti di Quartiere’.
Il bando finanzia programmi innovativi “per il recupero di quartieri con caratteri di degrado costruttivo e ambientale, carenze di servizi, in contesto abitativo e socaile degradato”.
I programmi di ristrutturazione edilizia proposti riguardano gli stabili di via Capofonte e via San Pelagio (San Giovanni) e di via Negri (Coloncovec). L’intervento di recupero prevede la creazione di alloggi di diverse dimensioni e composizione che tengano conto delle esigenze delle persone in condizioni di non autosufficienza. Gli interventi sono destinati all’edilizia sovvenzionata e dovranno essere realizzati dall’Ater.
Accanto alla opere infrastrutturali sono previste attività di riqualificazione sociale e di sviluppo su base territoriale di attività di sostegno sociosanitario, legate alla metodologia di intervento ‘Habitat’.
I progetti sono stati valutati dell’amministrazione regionale ed è stato ammesso al finanziamento il progetto riguardante via Negri.

METTI IN COMUNE IL VOLONTARIATO

Associazione Mondo 2000 (Collegio del Mondo Unito di Duino)

Il progetto presentato al Ministero del Welfare non è stato accolto. Pubblichiamo tuttavia il testo in quanto indicativo di un’elaborazione attenta alla comunicazione intergenerazionale e alla diffusione fra i giovani e nelle scuole dei valori del volontariato e della solidarietà.

INIZIATIVA COMUNITARIA EQUAL II

L’iniziativa dell’Unione Europea intende favorire l’avvio di progetti che operino contro le discriminazioni di accesso al mercato del lavoro, favorendo l’inclusione lavorativa e sociale dei soggetti svantaggiati, basandosi sullo sviluppo di nuovi strumenti e metodologie da realizzarsi in contesti di networking territoriale.
Il progetto ‘Impresa di comunità’ è stato presentato da Consorzio “Per l’impresa sociale” (soggetto referente), Consorzio Interland (che raggruppano buona parte delle cooperative sociali), ENAIP, ed i tre enti pubblici promotori di Habitat- Microaree.

www.impresadicomunita.it